//
you're reading...
Uncategorized

ARMINIO, DONPASTA, LATRANSGARGANICA e LUCA MORINO per i paesaggi sonori rurali del Carpino Folk Festival

PAESAGGI SONORI RURALI al Carpino Folk Festival 2014
Il lavoro, il bestiame, la ritualità, la musica e la convivialità del Gargano
Con LUCA MORINO, il compositore, cantante, chitarrista, fondatore dei Mau Mau e la sua cosmopolita sensibilità musicale il Carpino Folk Festival scende dal treno di Cantar Viaggiano e si avvia nella sua location naturale. Quest’anno la novità è la tappa sull’altopiano di Caminizzo tra i pascoli estivi in cui la fanno da padrone le vacche podoliche e le capre garganiche. Qui si svolgerà giorno 5 agosto la cena spettacolo de LATRANSGARGANICA e lo spettacolo unico di due protagonisti della cucina e della ruralità: FRANCO ARMINIO e DONPASTA.

Comunicato Stampa
Si prega la massima diffusione e divulgazione

Carpino, li 04 Agosto 2014
Ogni paesaggio ha le proprie “toniche”, i propri“segnali” e le proprie “impronte sonore” che connotano e contribuiscono, al pari delle altre manifestazioni umane, alla creazione dell’identità locale.
I suoni del paesaggio sonoro sono peculiari e inconfondibili, nella misura e secondo le modalità percettive dei singoli e dei gruppi.
Il 5 Agosto sull’altopiano di Caminizzo il Carpino Folk Festival dà voce a tali percezioni per innescare percorsi di riflessione e di educazione all’ascolto in grado di amplificare un canale sensoriale che la cultura occidentale oggi tende sempre più a emarginare.

Caminizzo, o meglio “au Rerëtë”, per chi segue le attività dell’Associazione, è la località in cui nella scorsa primavera si è svolta la festa della transumanza, ossia nel paradiso in terra della masseria della famiglia Facenna affacciata sull’azzurro del lago di Varano e dell’adriatico tra le vacche podoliche, le capre garganiche, cavalli, pecore, galli e galline e i maialini di mamma maiale.
Questa volta la festa è in notturna. Niente transumanza, tranquilli. Nonostante tutto è ancora troppo caldo e non è giunto il momento di compiere il tragitto all’incontrario.

La serata parte, nel vero senso della parola, alle ore 19.12 da San Severo. Infatti c’è la tappa finale del progetto Cantar Viaggiando con il leader dei Mau Mau, Luca Morino e il suo progetto MorinoMigrante. Arrivo a Carpino alle ore 20:16. Qui una navetta che fà da spola condurrà i partecipanti in località Caminizzo.

Per chi, invece è impossibile prendere il treno e, raggiunge il festival in macchina il punto di incontro è all’entrata di Carpino presso la struttura del campo sportivo. Qui parcheggia nell’area camping e raggiunge Caminizzo sempre grazie alla navetta gratuita che per tutta la serata farà da spola.

Per tutti gli aggiornamenti e informazioni controllare l’evento FB raggiungibile a questo indirizzo: https://www.facebook.com/events/1438743829722046

————————————-
Il PROGRAMMA
05 Agosto 2014
PIAZZA GAL / CARPINO FOOD FESTIVAL
CANTAR VIAGGIANDO – “Una valigia di ricordi”
“Un viaggio slow a bordo dei vagoni delle Ferrovie del Gargano”
In collaborazione con Gal Gargano
Ore 19.12 in viaggio tratta San Severo/Carpino

LUCA MORINO – “MorinoMigrante”
con degustazione di prodotti tipici regionali a bordo

PAESAGGI SONORI RURALI
Ore 21.00 Azienda Zootecnica FACENNA / CARPINO
#LATRANSGARGANICA “Cena/Spettacolo podolico”

DONPASTA e FRANCO ARMINIO “Cucina dell’anima e ruralità resistente” con la partecipazione dei CICUTA QUARTET

————————————-
PIAZZA GAL: FESTIVAL DELLA CULTURA RURALE
Gli eventi di informazione del Gal Gargano
“Quella che abbiamo messo in campo a Carpino – ha dichiarato il presidente, Francesco Schiavone – è la dimostrazione della volontà del Gal Gargano di operare in sinergia con le realtà del territorio. Un lavoro che, con un’attenta programmazione e con le sinergie giuste, può dare nuovo valore alle aree interne ed alle tradizioni culturali del promontorio”.
“Gli obiettivi che ci eravamo prefissati nel PSL nella definizione di questa misura d’intervento erano: incentivare le attività turistiche dando continuità logico-fisica fra l’offerta turistica balneare e le risorse rurali; diffondere e valorizzare i prodotti, il patrimonio naturale e la cultura del territorio; sviluppare la creazione di un sistema a rete tra tutti gli operatori e le comunità. Riteniamo – ha concluso Schiavone – che con iniziative e programmi come questi siamo sulla strada giusta”.

————————————-
Station To Station. Lo storyteller Luca Morino chiude Cantar Viaggiando
Sull’esempio dei pioneristici happening nomadici che negli anni 70 si svolgevano negli USA, le tappe di Cantar Viaggiando sono una festa di performance, visual, concerti e prodotti tipici che da 4 anni viene organizzata dal Carpino Folk Festival sui treni delle ferrovie del Gargano.
MORINO MIGRANTE
E’ una mente illuminata, uno sperimentatore curioso Luca Morino. Il compositore, cantante, chitarrista, fondatore dei Mau Mau torna protagonista con un nuovo progetto che vede ancora più in luce il suo talento di story teller e la sua cosmopolita sensibilità musicale. Si chiama Morino Migrante e nonostante si tratti del suo progetto solista Luca non rinuncia a dinamiche collettive, ad approdi innovativi e meticci.
Un lavoro spumeggiante, fresco, intrigante dal punto di vista delle sonorità, intenso e insinuante da quella dei testi, che disegnano storie senza confine, derive metropolitane, racconti di vita. Il tutto con un sound energetico in cui rumba, electro-cumbia, reggae, rock, ma anche spaghetti western e steampunk.

#LATRANSGARGANICA
Massari, cantori, cuochi, suonatori, agricoltori, custodi di sementi racconteranno, condivideranno, suoneranno e cucineranno i sapori della terra da dove a sera si saluta il sole.
Una lunga transumanza di persone si è incamminata verso il mondo per condividere storie di pastori con la bocca d’armonica; voci di un dio verde che sopporta anche l’offesa sotto il sole rovente che insegue vacche e capre; profumi di mani ammorbidite dal siero; litanìe di graticci per fichi che si asciugano; parti di giovenche che manifestano sapienza.
Stanno arrivando e ci apparecchieranno una tavola per una serata di convivialità festosa.
E tra un piatto e l’altro il filo di comunità sarà svolto dalle musiche che suoneranno, dal caciocavallo podolico che faranno sotto i nostri occhi, dai profumi che questo cucinare diffonderà tra noi, dalle storie della transumanza che condivideremo.
E insieme mangeremo, danzeremo, canteremo e brinderemo.
Tutto per tessere tele di comunità.
Saranno con noi Giacomo, Dora, Maria Antonietta, Michele, Rocco e Luciano

CUCINA DELL’ANIMA E RURALITÀ RESISTENTE
Don Pasta selecter è un dj, economista, appassionato di gastronomia.
Il suo primo progetto, “Food sound system” è divenuto un libro, edito da Kowalski, e uno spettacolo multimediale, in tournée tra Italia, Francia e Spagna, protagonista di importanti eventi per l’Auditorium Parco della Musica di Roma, Slow Food on film, Taormina Arte, Time in Jazz, Città del Gusto, Taste, Mescolanze Food Festival. A questo ha fatto seguito nel 2009 “Wine Sound System” sempre edito da Kowalski, tradotto anche in francese dal marzo 2011. Nel fabbraio 2013 è stato pubblicato il suo terzo libro: La Parmigiana e la Rivoluzione.
Collabora tra gli altri con Paolo Fresu, David Riondino, Daniele di Bonaventura. Scrive regolarmente per Slow Food, Repubblica, Left Avvenimenti e collabora con Smemoranda, Alias, Fooding, l’Università del Gusto di Slow Food, CasArtusi e Cultura gastronomica. Organizza a Roma il Festival Soul Food con Terreni Fertili e a Toulouse, dove vive, l’Academie des Cuisines Metisses.

Paesaggi, paesi, poesia. Arminio, Franco, paesologo, poeta e scrittore Escursioni sulla nuca sassosa della Puglia. Scuola di Paesologia dentro una masseria Osservazioni più che opinioni, percezioni più che astrazioni. Luoghi e sentimenti i fili conduttori di una visione ispirata al FIL, Felicità Interna Lorda. Ospitalità, ozio e lavoro, computer e pero selvatico, nuovo umanesimo delle montagne, comunità provvisorie contro l’autismo corale. Gioia di stare in un luogo dove si fa il formaggio, dove gli animali e gli umani lasciano sulla terra la stessa orma. Idea della terra come madre comune, idea della terra da fasciare, accudire, idea di lenire il dolore, idea di ammirare più che di scoraggiare. Arrivederci al cinque agosto in località CAMINIZZO.

Archivio Fotografico Carpino Folk Festival
Autore della Foto: Giuseppe de Grandis

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

I tuoi cinquettii

Ospiti

  • Vorrei sommessamente far presente che senza Stato di Diritto è il popolo a prenderlo in culo. 1 hour ago
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: