//
you're reading...
Tutti i post

La mitica città di Uria nella tradizione orale del Gargano

A 'n'or d' nott 

(i versi che iniziano con il trattino sono la voce del bambino che risponde a sua madre)

Sirr chist'occhji bell, fa la nann;

iè fatt nott e tutt li criatur

mo già so' 'dd'rmut, non parlann:

steng ucin a te, non avè paur!

Lu lup va magnann li malandrin

che non dorm'n sub't la ser…

 

-Lu lup no, mammù, mitt'm 'nzin

e cant, cant la ninna nann 'ccom e ier.
 

Apprim mo, da bona cr'stian

fatt la croc e di' l'AveMmarij…,

…del Padr', Figlij, … p' queddavta man,

e d'lu Spir't Sant e così sij.

 

-Uheij ma', la Madonn mo m' sent?

 

Ma scì, bell d'mamm, a tutt quant

la Madonn c'sent e non c'sta nent

che non ved. Mbè, i'mo dic annant,

tu di' appress a me: piena di grazij…

Continua qui

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Archivi

I tuoi cinquettii

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: