//
you're reading...
Tutti i post

Ghetonia – Terra e sale (CD – Anima Mundi Records AM 001, Italia 2006)

Grazie ad Anima Mundi, etichetta-negozio di Otranto nata solo pochi anni fa (http://www.suonidalmondo.com), Ghetonìa approda alla seconda produzione ufficiale dopo alcuni, eccellenti album realizzati in edizioni di fortuna (allegati, autoproduzioni…).
Confermando i precedenti lavori – in particolare il bellissimo "Per Incantamento" del 2004 – che impongono il gruppo come uno dei migliori, più seri e originali della scena salentina, “Terra e sale” è un piccolo capolavoro di musica del nostro tempo, radicato fortemente nella tradizione grika (lingua ancora oggi parlata nell’area della Grecia salentina) e aperto all’incontro con le forme di un contemporaneo attraversato da suggestioni colte e tradizioni altre.
Tredici brani, quattro su musiche composte da Salvatore Cotardo (sax soprano e clarinetto del gruppo), il più di “anonimo popolare”, una sola caduta di stile ("Praison Jelonta", con il coro di alunni dell’Istituto Comprensivo di Martano e Carpignano Salentino) per un disco che non esitiamo a considerare tra i più riusciti degli ultimi anni per maestria esecutiva, varietà del repertorio, forza e autenticità espressiva.
La poetica dell’opera riassunta dalle parole del pittore Ruggero D’Autilia nelle note del booklet allegato:
da Luca Ferrari

Discussione

2 pensieri su “Ghetonia – Terra e sale (CD – Anima Mundi Records AM 001, Italia 2006)

  1. “E’ terra. Terra degli ulivi nelle notte disseminate di stelle, tra l’acqua benedetta e l’acqua salata –un’acqua di amarezza quest’ultima – l’acqua mara che non rende fertile.
    E’ terra. Madre e femmina, persuasa dalla vanga e dall’aratro, fecondata dalla pioggia, dalle lacrime e dal sangue, seme del cielo e dell’uomo.
    Ed è sale. Sale che sana la malia ma che rende sterile la terra; è comunione e legame:si divide il sale come si divide il pane. E’ fuoco liberato dalle acque. Vampa che si cela.
    Occhi, come pozzi che raggiano sul fondo, nervi dei piedi e delle mani, la grazia dei lini con la greca, la pazienza delle dita nell’intreccio a rose dei capelli grigi, la pazzia delle cicale, la terra, il sale”.

    Oltre le suggestioni di una terra ispiratrice, ancora parzialmente “storica” (ma chi è stato come noi in quell’area non può non essere rimasto abbagliato dai forti, peculiari contrasti del paesaggio…) , il disco regala forti suggestioni klezmer (“Terra e sale”, “Aspro E’ To Xartì”), greche (“Panta S’Agapisa”, l’eterna “Kalì Nifta”, già proposta in passato su disco e da sempre nel repertorio live del gruppo), popolari salentine (“Oriamu Pisulina” e lo splendido ‘classico’ “Rindineddha Ci Rindini Lu Mare”, qui un capolavoro!), addirittura operistiche (“Oh se la pena”), con la voce roca dal registro medio di Emanuele Licci accompagnata da sonorità dall’influenza folk-jazz e colta (accenni che richiamano la scuola francese del primo Novecento), dall’equilibrio davvero raro e dalla calda, onesta comunicativa.

    (16 settembre 2006)

    GHETONIA
    Roberto Licci – voce e chitarra acustica
    Emanuele Licci – voce e chitarra classica
    Salvatore Cotardo – sax soprano e clarinetto
    Massimo Pinca – contrabbasso
    Antonio Cotardo – flauto traverso
    Admir Shkurtaj – fisarmonica
    Franco Nuzzo – percussioni

    DISCOGRAFIA
    “Mara l’acqua” (cassetta – autoproduzione, 1993) esaurita
    “Agapiso” (cassetta – autoproduzione, 1993) esaurita
    “Malìa” (cassetta – autoproduzione, 1993)
    “Per incantamento” (CD – autoproduzione, 1995)
    “Grecia Salentina” (CD – autoproduzione, 1997)
    “Mari e Lune aEst del Sud” (CD – autoproduzione, 1999) esaurito (ristampato come Radici Music Records RMR-106 nel 2002)
    “Krifi” (CD – Editrice Conte di Lecce, 2001)
    “Per Incantamento” (CD – Anima Mundi-Planet Music Studios PM25, 2004)

    Pubblicato da festival | ottobre 30, 2006, 7:41 pm
  2. “E’ terra. Terra degli ulivi nelle notte disseminate di stelle, tra l’acqua benedetta e l’acqua salata –un’acqua di amarezza quest’ultima – l’acqua mara che non rende fertile.
    E’ terra. Madre e femmina, persuasa dalla vanga e dall’aratro, fecondata dalla pioggia, dalle lacrime e dal sangue, seme del cielo e dell’uomo.
    Ed è sale. Sale che sana la malia ma che rende sterile la terra; è comunione e legame:si divide il sale come si divide il pane. E’ fuoco liberato dalle acque. Vampa che si cela.
    Occhi, come pozzi che raggiano sul fondo, nervi dei piedi e delle mani, la grazia dei lini con la greca, la pazienza delle dita nell’intreccio a rose dei capelli grigi, la pazzia delle cicale, la terra, il sale”.

    Oltre le suggestioni di una terra ispiratrice, ancora parzialmente “storica” (ma chi è stato come noi in quell’area non può non essere rimasto abbagliato dai forti, peculiari contrasti del paesaggio…) , il disco regala forti suggestioni klezmer (“Terra e sale”, “Aspro E’ To Xartì”), greche (“Panta S’Agapisa”, l’eterna “Kalì Nifta”, già proposta in passato su disco e da sempre nel repertorio live del gruppo), popolari salentine (“Oriamu Pisulina” e lo splendido ‘classico’ “Rindineddha Ci Rindini Lu Mare”, qui un capolavoro!), addirittura operistiche (“Oh se la pena”), con la voce roca dal registro medio di Emanuele Licci accompagnata da sonorità dall’influenza folk-jazz e colta (accenni che richiamano la scuola francese del primo Novecento), dall’equilibrio davvero raro e dalla calda, onesta comunicativa.

    (16 settembre 2006)

    GHETONIA
    Roberto Licci – voce e chitarra acustica
    Emanuele Licci – voce e chitarra classica
    Salvatore Cotardo – sax soprano e clarinetto
    Massimo Pinca – contrabbasso
    Antonio Cotardo – flauto traverso
    Admir Shkurtaj – fisarmonica
    Franco Nuzzo – percussioni

    DISCOGRAFIA
    “Mara l’acqua” (cassetta – autoproduzione, 1993) esaurita
    “Agapiso” (cassetta – autoproduzione, 1993) esaurita
    “Malìa” (cassetta – autoproduzione, 1993)
    “Per incantamento” (CD – autoproduzione, 1995)
    “Grecia Salentina” (CD – autoproduzione, 1997)
    “Mari e Lune aEst del Sud” (CD – autoproduzione, 1999) esaurito (ristampato come Radici Music Records RMR-106 nel 2002)
    “Krifi” (CD – Editrice Conte di Lecce, 2001)
    “Per Incantamento” (CD – Anima Mundi-Planet Music Studios PM25, 2004)

    Pubblicato da festival | ottobre 30, 2006, 7:41 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

I tuoi cinquettii

Ospiti

  • Io sono Gargano: "Io Sono Bellezza”, Io Sono Folk”, “Io sono Sacro” e “Io Sono Buono” 17 hours ago
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: