//
you're reading...
Tutti i post

Nuove ipotesi sulle origini di San Marco in Lamis: Mura, torri e campane

Le origini di San Marco in Lamis sono tuttora incerte. A differenza di altri centri garganici, per qualche oscuro motivo, i dubbi sulla sua nascita e sulla sua evoluzione rendono difficoltoso il lavoro dello storico che deve assemblare i pochi pezzi di storia finora accertati.

Una tra le leggende locali narra di alcuni pastori nomadi i quali con i loro porci vagavano alla ricerca di un posto sicuro che potesse difender loro dalle bestie selvatiche e che potesse dar loro ottima ospitalità. Costoro, in seguito, data la posizione strategica e l’abbondanza di acqua iniziarono a costruire il primo centro storico su delle palafitte, l’attuale “Padula”. Tra le tante leggende, questa è la più in voga e forse in parte vera dato che è dimostrato che nella valle dello starale vi era un alveo e che alcune case del centro storico hanno antiche fondamenta in legno, anche la chiesa della Collegiata è stata fondata su pali di legno. Altre leggende narrano di alcuni fuggitivi che trovarono rifugio nella nostra valle e che fondarono il primo insediamento. Non è dato sapere chi fossero questi fuggitivi. Il Fraccacreta riporta che i cittadini della antica Arpi fuggendo dalla città in procinto di essere distrutta si fossero rifugiati sui monti dando vita a San Marco In Lamis e Rignano Garganico. Vi è anche qualcuno che ipotizza la versione di Saraceni fuggitivi che dalle coste si spinsero nell’entroterra per scampare alla morte. Se è vero che nelle leggende vi è sempre qualcosa di vero bisognerebbe verificare per mezzo di validi documenti storici ognuna di queste. Impresa ardua tuttora intentata. Purtroppo, da un punto di vista meticolosamente storico, quanto viene riportato è molto discutibile. Si suole scrivere che le origini della città di San Marco In Lamis risalgono all’incirca all’anno mille e che la sua storia è legata strettamente a quella del convento di San Matteo. Le basi di tale teoria derivano dallo scritto del notaio Giuliani “Storia statistica e vicende della città di San Marco In Lamis”, che storico non poteva definirsi. Inoltre ciò è confermato dall’insigne preside Pasquale Soccio, il quale nonostante le sue indiscutibili qualità poetiche e letterarie, si basava su fondamenti preconcetti privi di ogni riscontro storico. La verità è che nessuno nel corso della nostra storia ha mai osato andare oltre, forse per malavoglia o forse per evitare lo scontro con i pochi detentori della cultura locale, arroccati sulle loro posizioni e pronti ad attaccare coloro i quali mettono in discussione il loro operato. In effetti gli archivi comunali non sono mai stati spulciati e valorizzati come in altre parti, ma nel corso degli anni spesso si è verificato un vero e proprio stupro, con la sottrazione di importanti documenti dal valore storico inestimabile da parte di privati cittadini che hanno preferito farne dei cimeli invece di mettere il tutto a disposizione della collettività. Quanto detto finora, ha portato alla irreversibile validazione storica di quella che potrebbe essere una storia molto diversa da quella propinataci fino ad oggi. In questi giorni ho avuto la conferma che quanto mi accingo a riportare non è solo una mia folle teoria ma una semplice deduzione scaturita da riflessioni e contraddizioni palesi che nel corso della mia breve esistenza mi hanno sempre accompagnato. Potrei iniziare con una domanda che si pongono spesso anche i bambini delle scuole elementari: “Perché il nostro paese si chiama San Marco In Lamis e perché il gonfalone è simile quello della Serenissima Repubblica di Venezia, ovvero il leone di San Marco?”Qualcuno vi ha mai dato una risposta concreta? Credo di no, neanche a me l’hanno mai data. […]

Continua la lettura

di Ludovico Centola (http://www.sanmarcoinlamis.eu)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Archivi

I tuoi cinquettii

Ospiti

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: