//
you're reading...
Tutti i post

Per la poltrona di Sindaco di Carpino molte facce nuove ma anche tanti amministratori in cerca di conferme

Alla chiusura del termine per le presentazione delle liste i candidati sindaci a Carpino sono 4, di seguito candidati e liste:

Voltiamo Pagina: candidato sindaco: Santino Basanisi.
Candidati Consiglieri: Michele Caputo, Francesco Cannarozzi, Michele Ciuffreda, Michele Correli, Felice D’Aloia, Pasquale Pio D’Antuono, Giovanni Di Mauro, Mario Pio Di Perna, Giuseppe D’Orio, Nicola Facenna, Tabitha Gramazio, Rocco Carlo Manobianco, Giovanni Petracca, Nicola Maria Antonio Ricciardi, Roberta Rita Sepa, Domenico Trombetta.

Udeur Candidato Sindaco: Antonio Draicchio.
Candidati Consiglieri: Pasquale Basani­si, Michele Cerrone, Berar­dino Ciuffreda, Maria Pia D’Andrea, Maria Rosaria Di Cosmo, Carlo Pio Di Fiore, Pasquale Di Mauro, Michele Draicchio, Giuseppe Draic­chio, Rocco Gramazio, Libera Lamola, Primiamo, Schiavo­ne, Michele Antonio Tabacco, Antonio Tangredi, Pasquale Vicedomini.

Carpino Cresce: Candidato sindaco: Rocco Manzo.
Can­didati Consiglieri: Francesco Paolo Colrone, Giuseppe Gen­tile, Antonio Giangualano, Rocco Ruo Nicola Maria Trombetta, Antonio Basanisi, Michele Basanisi, Michele An­tonio Calvano, Caterina Ca­risdeo, Michele Di Mauro, Rocco Pio Giambattista, Al­berto Maccarone, Mario Fe­lice Ortore, Antonio Sacco, Rocco Vivoli, Domenico Zur­lo.

Uniti per Carpino Candi­dato sindaco: Giuseppe Simo­ne.
Candidati Consiglieri: Matteo Basile, Francesco Coccia, Roc­co Di Brina, Giovanni Di Mau­ro, Michele Di Viesti, Giovan­ni Finizio, Leonardo Gentile, Domenico Manzo, Nicola Pal­mieri, Nicola Biagio Pedronzi, Michele Pizzarelli, Pasquale Sacco, Matteo Silvestri, Marco Trombetta, Antonio Zurlo, Mi­chele Zurlo.

Discussione

10 pensieri su “Per la poltrona di Sindaco di Carpino molte facce nuove ma anche tanti amministratori in cerca di conferme

  1. ANCORA UNA VOLTA MINESTRONE PUR DI SAZIARSI.
    Il Partito comunista è l’avanguardia organizzata, ma non la sola organizzazione della classe operaia. La classe operaia ha una serie di altre organizzazioni che le sono indispensabili nella lotta contro il capitale: sindacati, cooperative, comitati di officina, frazioni parlamentari, unioni delle donne senza partito, stampa, associazioni, organizzazioni di cultura, unione della gioventù, organizzazioni di combattimento rivoluzionarie (nel corso dell’azione rivoluzionaria diretta), Soviet dei deputati, Stato (se il proletariato è al potere), ecc.
    La maggior parte di queste organizzazioni sono apolitiche: qualcuna soltanto aderente al partito o totalmente o per ramificazione. Tutte sono, in certe condizioni, assolutamente necessarie alla classe operaia, per consolidare le sue posizioni di classe nelle differenti sfere della lotta e farne una forza capace di sostituire l’ordine borghese con l’ordine socialista. Ma come ottenere l’unità di direzione in organizzazioni così diverse? Come evitare che la loro molteplicità non porti con se i dissensi nella direzione? Queste organizzazioni, si dirà, compiono ciascuna il proprio lavoro in una sfera speciale e, per conseguenza, esse non possono importunarsi vicendevolmente. E’ giusto. Ma tutte devono condurre la loro azione con una direzione unica, perché esse servono tutte una sola classe: quella dei proletari. Chi dunque determina questa direzione unica? Qual è l’organizzazione centrale sufficientemente sperimentata per elaborare questa linea generale e capace, grazie alla sua autorità, di incitare tutte le organizzazioni a seguirla, di ottenere l’unità di direzione ed escludere la possibilità di colpi di testa?
    Questa organizzazione è il partito del proletariato. Esso ha, veramente, tutte le qualità necessarie. Prima di tutto, esso racchiude in se la parte migliore della classe operaia, una avanguardia legata direttamente con le organizzazioni senza partito del proletariato, che i comunisti frequentemente dirigono. In secondo luogo il partito è, per la sua autorità, la sola organizzazione capace di centralizzare la lotta del proletariato e di trasformare così le organizzazioni politiche della classe operaia in organi suoi di collegamento.
    Antonio Gramsci

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | aprile 29, 2007, 12:27 pm
  2. ma cos’è ??? a carpino ci sono le amministrative o si vuole organizzare un colpo di stato ????

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | aprile 29, 2007, 5:27 pm
  3. forse è lo sdegno della gente, non un colpo di stato, si sono fatte alleanze senza ideologie pensando non al meglio per il paese, ma all’allalleanza più redditizia per potersi poi dividere il tutto in silenzio dopo la vittoria secondo loro………, Speriamo che la gente i cittadini come me capiscano e guardando al passato si rendano conto che è arrivato il tempo di tornare ai vecchi, buoni, sani principi e trovino il coraggio senza pensare al parente, all’amico per dire basta, basta basta è ora di un radicale cambiamento è c’è l’uomo del cambiamento questa volta alleato con le persone giuste, onesti lavoratori, diamo la possibilità a Santini Basinisi di cambiare le cose, perchè i nostri figli i nostri giovani non si sentano esclusi, ma parte del paese sono loro il futuro , non lasciamoli fuggire diamo loro la possibilità di restare qui, nella loro terra, la terra che dio volendo li vedrà crescere e fiorire. Quando andrete a votare chiudete gli occhi e pensando al futuro tracciate una croce sul simbolo giusto, sulla vostra libertà

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 5, 2007, 1:28 pm
  4. Ho sentito di posti di lavoro promessi a gente che ha a mala pena la terza elementare. Carpino mi sembra proprio un paese fuori dalla storia e dal mondo….

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 16, 2007, 10:27 am
  5. Prevarranno ancora una volta gli interessi induìividuali (e familiari) o si cercherà di fare qualcosa di veramente concreto? Ma vi accorgete che Carpino è diventato un paese fantasma? Se la gente scappa è perchè le cose non funzionano. Si deve chiedere sempre all’amico del parente dell’amico….cercate almeno, se non resistete davanti ad un gruzzoletto di soldi, di debellare almeno questo clientelarismo

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 16, 2007, 10:32 am
  6. be ci hanno preso in giro una volta …non penso che lo faranno di nuovo, errare è umano, perseverare diabolico…speriamo di non andare verso una flagellazione…

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 16, 2007, 1:28 pm
  7. Non è giusto parlare male di un paese che ti ha cresciuto, dal quale probabilmente sei fuggito/a……………..
    Vergogna, si deve lottare per i propri affetti e l’amor patrio!

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 17, 2007, 8:01 am
  8. parlare male del paese? e perchè no!
    se le cose non vanno credo sia un DOVERE parlarne ma dove viviamo?
    avete visto che accozzaglia di galantuomini sono candidati? e gli ex amministratori avete capito la manovra politica? altro che raccolta differenziata riciclaggio continuo.
    Spero che la gente ricordi tutto del passato del presente di ogni candidato e valuti.
    Il problema di fondo è la parentela, non si vota il programma, le capacità di ognuno ma il proprio interesse, voto tizio perchè poi mi potrà servire per un favore.
    Anche i “giovani” hanno lo stesso modus pensandi. Poi il problema dell’influenza della Chiesa, credete che nessuna indicazione verrà?
    Finiamiola con questa ipocrisia chi ci vive a Carpino sta bene, è contento di quello che ha e aspetta il propio turno. Manca il progetto per il fututo, la cognizione della qualità della vita, il diritto dei servizi, il diritto al lavoro, il diritto al libero pensiero. Credo che le cose non cambieranno mai almeno finchè i formatori continueranno a non fare il rporpio dovere.
    Dove non c’è cultura regna il qualunquismo, dove non c’è la consapevolezza regna l’indifferenza, l’omertà.
    Io tornerò per votare e Voterò Basanisi perchè credo che sia l’unica persona in grado perlomeno di tentare una inversione di tendenza, e comunque a Lui va il mio grazie per l’impegno e la serietà la perseveranza con cui vive il suo quotidiano.
    Grazie
    Lupo

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 17, 2007, 9:16 am
  9. CARPINO CRESCE?
    cos’è una presa in giro.
    Almeno un pò di classe nel scegliere il nome della lista, suvvia signori, non tutti sono contenti di quello che è stato fatto, anzi molti non lo sono affatto.
    Speriamo che Carpino cresca, cresca nella mente, nel prendere coscienza, nel autodeterminarsi, nelle valutazioni, nelle critiche e nelle proposte.
    Vi ho votato la volta scorsa, non vi voterò questa volta, ammettere il fallimento politico del vostro progetto sarebbe cosa gradita.
    Ciao

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 17, 2007, 9:22 am
  10. …magari la Chiesa locale decidesse di condizionare il popolo di Dio nella scelta degli amministratori di questa realtà sociale!Purtroppo così non è. Proprio perchè la Chiesa ha tra i primi principi quello del rispetto della libertà e delle idee altrui, non scenderà mai tanto in basso da voler influenzare le opinioni dei fedeli! Ad essa spetta sempre il doveroso compito di intervenire a favore della Vita e della Famiglia, ma questo non vuol dire che abbia paricolari inclinazioni politiche o “simpatie”.

    "Mi piace"

    Pubblicato da utente anonimo | maggio 17, 2007, 10:19 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Archivi

I tuoi cinquettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: