//
archives

cagnano varano

Questo tag è associato a 15 articoli.

Sequestrata tonnellata di frutti di mare a Cagnano Varano

Provenivano dalla Laguna di Varano, dove vige il divieto di raccolta per un’ordinanza de Parco del Gargano.Una tonnellata di frutti di mare sequestrata a Vagnano Varano. In particolare si tratta di cinquecento chilogrammi di cozze nere sprovviste di documentazione sanitaria, provenienti dal mare Adriatico e altri 500 chili di vongole veraci, specie filippina, anch’essi sprovvisti di documentazione sanitaria, provenienti dalla Laguna di Varano, dove vige il divieto di raccolta per un’ordinanza emessa dall’Ente Parco Nazionale del Gargano. L’operazione è stata messa a segno dai militari della Guardia di finanza di Capojale. L’operazione ha portato anche alla segnalazione di una persona all’autorità amministrativa.

ondaradio.info

Documentario Istituto Luce anni ’50 sul Lago di Varano e

Documentario dell’ Istituto Luce anni ’50 sul Lago di Varano e "lu ton", una particolare tecnica di pesca cagnanese ormai in disuso

Le Gemme del Gargano Junior rappresenteranno la Puglia alla XXVª EDIZIONE DE “IL FANCIULLO E IL FOLKLORE”

Devozione popolare: festa tradizionale
articolo a cura di Dina Crisetti
IL GRUPPO FOLK “LE GEMME DEL GARGANO JUNIOR” annuncia la partecipazione alla XXVª EDIZIONE DE “IL FANCIULLO E IL FOLKLORE”, importante manifestazione folcloristica nazionale organizzata dalla FITP (Federazione italiana Tradizioni Popolari), riservata ai ragazzi dai 9 ai 14 anni, che avrà luogo a Clusone (Bergamo) dal 27 al 29 marzo 2009 e rappresenterà la Puglia.

Il gruppo – che da diversi anni ho il piacere di guidare insieme al presidente Gianni Cerrone, ha già vinto due competizioni, conseguendo nel 2007 ad Assisi il primo premio con il tema “Il presepe come immagine della tradizione locale” e l’anno successivo il secondo con “Usi, rituaili e cerimonialità legati alla Nascita”. E siccome non c’è due senza tre, non rimane che incrociare le dita.

Domenica 22 marzo nell’atrio del comune di Cagnano Varano alle ore 17.30, il gruppo ha presentato il nuovo DVD, covolto a ricostruire la devozione cagnanese verso la Madonna delle Grazie. Il tema di quest’anno è, infatti, Devozione popolare, festa tradizionale.

Il gruppo porta in scena una narrazione ideata e prodotta da chi scrive e da Gianni Cerrone, attraverso il coinvolgimento di anziani e sacerdoti del luogo, incentrata sul culto dei cagnanesi verso la Madonna delle Grazie.
Nel ricostruire la “narrazione” a più voci della “Devozione popolare Festa tradizionale”, il gruppo Folk “Le Gemme del Gargano” è sceso sul campo, interrogando soprattutto donne e uomini anziani del luogo. Prima, però, guidato opportunamente da esperti e studiosi locali, ha prodotto l’idea progettuale, assumendo dati di conoscenza dalla letteratura e dalla storia locale. Dall’indagine preliminare è emerso che i cagnanesi erano fortementi devoti alla Madonna delle Grazie, oltre che ai santi Michele e Cataldo, tanto da eleggerla compatrona dei cagnanesi.
La devozione popolare ha, pertanto, condotto il gruppo di ricerca verso la tradizione mariana che affonda le radici nel medioevo e che attraversa tutto il popolo cristiano, flettendosi, tuttavia, alla cultura del posto, assumendo “colori” locali.
Prendendo spunto da elementi affiorati durante la ricerca, è stata delineata la trama della sceneggiatura che si è poi dipanata nelle scene del “sogno”, del “ritrovamento del quadro della Madonna” nel convento abbandonato, dei rituali dell’“abb’tine”, della “vestizione”, “della cerca”, della “fiera”, della “cerimonia religiosa” dell’8 settembre, delle reiterate “processioni” per invocare la pioggia[foto].
Delineate le scene, descritte le parti, sono stati individuati i personaggi e assegnati i ruoli, tenendo conto delle caratteristiche individuali dei fanciulli. Per allestire la coreografia sono stati ricostruiti ambienti, ricercati costumi e materiali del luogo, meticolosamente raccolti con l’aiuto delle famiglie, dei parroci, di quei signori del posto che amano conservare le “fonti”.
I piccoli ricercatori sono scesi, dunque, “sul campo” per conoscere il rapporto tra i cagnanesi e la Madonna delle Grazie, per individuare i luoghi, reperire abiti e attrezzi, per trovare conferma di particolari narrativi utili per meglio entrare nel personaggio.
Durante le prove hanno vissuto momenti intensi dal punto di vista socio-emotivo, ad esempio nei passaggi della partecipazione del sogno,1 della coralità e condivisione di eventi,2 della processione.3 Sequenze in cui erano evidenti la povertà materiale dell’esistenza e la sete di miracoli dei nostri nonni.4
Si sono, inoltre, divertiti nell’interpretare le sequenze della compravendita fruttata dalla “cerca”5 e della “contrattazione” in fiera, dove i fanciulli si sono rivelati veri mercanti “in erba”, riscoprendo la figura del mediatore o, come si dice a Cagnano, “de lu nzanzane”.
Significativa la lettura della icona della Madonna col Bambino, tavola singolare del Quattrocento rivenuta nel convento di San Francesco.6 I fanciulli si sono, infine, incuriositi nei momenti in cui hanno socializzato antiche espressioni e termini oggi in via di estinzione.7
Ancora una volta, perciò, la Federazione italiana Tradizioni Popolari ha colto nel segno, consentendo ai partecipanti di giocare “a fare la Madonna”, “il contadino”, “la moglie”, “la mamma”, “la figlia”, “il malato”. E mentre sono stati coivolti nel gioco drammatico, sono entrati nell’humus della propria terra e hanno annaffiato le proprie radici.
Nel riesumare la devozione verso Madonna, i ragazzi hanno avuto, in definitiva, l’opportunità di alimentare sia i propri processi cognitivi, sia quelli socio-affettivi e religiosi, di soddisfare il bisogno di sacro, avvalendosi del contributo della comunità.

Il Gargano inesplorato. In viaggio tra agrumeti e uliveti storici

La Regione Puglia negli ultimi anni sta puntando molto sui giovani, le loro idee e le loro progettualità e, nel tentativo di invertire quell’emigrazione senza ritorno verso le regioni settentrionali o l’estero, ha creato Bollenti Spiriti.
(bollentispiriti.regione.puglia.it).

E proprio di Bollenti Spiriti si parlerà a Vico del Gargano giovedì 2 aprile 2009, in occasione di un incontro con Roberto Covolo, Marco Costantini e Giada Tedeschi dello staff regionale, che si terrà alle 17.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Vico.
Una importante occasione, per scambiare idee e conoscere la programmazione regionale destinata ai giovani, organizzata dal Comune di Vico del Gargano e dall’Assessorato allo Sport e alle Politiche Giovanili dell’ass.re Nicolino Sciscio.

Un appuntamento pensato soprattutto per i giovani, che avranno modo di rendersi conto delle opportunità e delle iniziative messe in atto per le nuove generazioni, ma anche per tutti coloro che fossero interessati a sapere di più di questo programma regionale che sta infiammando la Puglia di nuove energie.

In questa occasione Stefania Presutto e Simona Valente dell’associazione culturale Green Tourism –Gargano– presenteranno “Il Gargano inesplorato. In viaggio tra agrumeti e uliveti storici”, un progetto che ha ricevuto il finanziamento del Concorso Principi Attivi e che passa ora alla fase operativa.
Una testimonianza reale della concretezza delle possibilità offerte dal programma regionale Bollenti Spiriti.

RITROVATA BOMBA A 10KM DA CAGNANO VARANO

Ritrovata una bomba a mano, certamente un residuato bellico, a 10 km. da Cagnano Varano, precisamente vicino l’ex Idroscalo di S. Nicola Imbuti. I Carabinieri di Cagnano Varano, messa in sicurezza l’area, hanno subito allertato le Autorità competenti che hanno provveduto ad inviare gli artificieri dell’11° Genio Guastatori di Foggia.

SAN NICOLA IMBUTI ( CAGNANO VARANO ) – Ritrovata una bomba a mano, certamente un residuato bellico, a 10 km. da Cagnano Varano, precisamente vicino l’ex Idroscalo di S. Nicola Imbuti. I Carabinieri di Cagnano Varano, messa in sicurezza l’area, hanno subito allertato le Autorità competenti che hanno provveduto ad inviare gli artificieri dell’11° Genio Guastatori di Foggia. Nella tarda mattinata di oggi, il Luogotenente Nicola Sgherzi (originario di Vico del Gargano) e il M.llo Vincenzo Gentile, hanno provveduto a far esplodere la bomba senza nessuna complicazione o conseguenza. La bomba a mano, che non era in sicura, avrebbe potuto provocare una strage nel caso una o più persone, inavvertitamente, avessero urtato la stessa. Ricordiamo che la zona di S. Nicola Imbuti è molto frequentata da raccoglitori di asparagi e da turisti durante l’estate. Non sappiamo se le forti piogge o altri elementi naturali sono stati determinanti nel far affiorare l’ordigno in maniera visibile. Certamente l’intervento dei Carabinieri prima e degli artificieri poi, hanno scongiurato il peggio.
Ondaradio.info

Archivi

I tuoi cinquettii

Ospiti

  • C'è chi il 25 aprile festeggia la resistenza e chi va ad omaggiare la mafia. 9 hours ago